Logo

L’incredibile vicenda della giunta sarda con 5 assessori e 7 interim

A quasi 60 giorni dalle elezioni del 24 febbraio ancora nessuna novità sul completamento dell’esecutivo, Salvini aveva annunciato: pronti in un quarto d’ora.

Prosegue l’incredibile vicenda del mancato completamento della giunta regionale sarda guidata da Christian Solinas, al momento con soli 5 assessori in ruolo (su 12) e 7 interim assegnati proprio al presidente, nonostante i tanti problemi drammatici da affrontare nell’isola, a partire dalla patata bollente della continuità territoriale. Per il governatore "La principale priorità non è avere una Giunta di sette, cinque o dodici assessori, ma dare risposte ai cittadini sardi che le attendono". Una Giunta c'è – aggiunge Solinas – è operativa e sta deliberando. In questi giorni - ha aggiunto - abbiamo affrontato dei problemi molto seri, dalla continuità territoriale alla questione del Porto Canale. Mi hanno proposto alcuni partiti dei curricula, altri partiti lo faranno tra oggi e domani".

Infatti, a due mesi dalle elezioni i partiti sono ancora divisi sui nomi e gli appetiti dei vari gruppi stanno impedendo che la giunta sia pienamente operativa, nonostante il ministro degli interni, Matteo Salvini, principale sponsor di Solinas, avesse dichiarato in campagna elettorale che il nuovo governo sardo sarebbe stato formato “in un quarto d’ora”. E nemmeno i prossimi giorni probabilmente saranno quelli buoni. La conferenza dei capigruppo del Consiglio regionale, convocata ieri nel palazzo di via Roma, a Cagliari, non ha raggiunto l'accordo per la convocazione di una seduta straordinaria del Consiglio regionale, per domenica 28 aprile. Oltre ai festeggiamenti per la ricorrenza de 'Sa die de sa Sardigna', all'ordine del giorno ci sarebbe potuta essere anche la presentazione della Giunta regionale al completo e il giuramento dei nuovi assessori.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.