Nell'ultimo mese

Souvenir: per la Sardegna una coppia di mafiosi

  • Scritto da Effe_Pi

vittime mafiaLa macabra statuina è in vendita nel quartiere Marina di Cagliari, ma sembra più un errore che altro.

È l'immagine di una coppia di mafiosi il nuovo souvenir che rappresenta la Sardegna sulla bancarelle di Cagliari. Secondo i produttori di souvenir, quindi, un uomo con la coppola in testa, i baffi, una cravatta rossa sulla camicia bianca e un completo nero, accompagnato dalla scritta: "u mafiusu" rappresenterebbe al meglio l'immagine dell'isola. Sotto, per completare il quadro, spuntano anche le canne di un fucile che a occhio e croce sembrerebbe una lupara. La donna accanto a lui, poi, porta un velo nero in testa con vestito tradizionale bianco e rosso. Nel piedistallo, bianca su sfondo marrone, la dicitura: Sardegna.

Sembra più uno di quei macabri oggetti che si trovano a volte in Sicilia, che tanta rabbia hanno causato in chi combatte nell'altra grande isola italiana contro la criminalità organizzata, che da quelle parti continua da decenni a fare stragi. In Sardegna, nonostante da più parti giungano denunce sul rischio di una sempre maggiore infiltrazione mafiosa, al momento non sembra che si possa rappresentare la regione con l'immagine di due personaggi di Cosa nostra. In ogni caso, la statuina è in vendita in un negozio di souvenir di via Baylle, nel cuore della Marina, a pochi passi dal porto di Cagliari.

Un errore che sicuramente non farà fare salti di gioia ai puristi dell'identità sarda. Il souvenir si trova in mezzo ad altri prodotti dello stesso tipo in cui l'essenza della Sardegna è rappresentata da luoghi comuni decisamente più consueti: un faro sul mare azzurro, una pecora, un nuraghe o un cestino con vino e pecorino. Speriamo che l'errore dei produttori di statuine turistiche non sia una premonizione ma solo un fraintendimento, e che vengano prese tutte le misure per evitare che lo sbarco dei boss mafiosi nelle carceri isolane renda la Sardegna un'altra patria della criminalità organizzata.

Leggi anche