Logo

Visite notturne e realtà aumentata al Nuraghe Palmavera

Il sito archeologico ha un nuovo impianto di illuminazione e avrà presto un sistema di realtà aumentata.

Si tratta di uno dei complessi nuragici più rilevanti della Sardegna e adesso, grazie alla collaborazione tra la Soprintendenza dei Beni archeologici, il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e il Comune di Alghero, Palmavera potrà essere visitato anche di notte. Il nuovo sistema di illuminazione infatti permetterà ai turisti di godere della visita del sito archeologico in una modalità diversa dal solito, molto affascinante, e inserirà il sito all’interno delle mete del turismo extra-balneare della zona di Alghero. Per il sindaco di Alghero, Mario Conoci, "conservazione e valorizzazione di questo sito consentiranno di impreziosire l'offerta culturale del territorio, legandola alla propria storia e alla propria identità millenaria".

Il restauro conservativo del sito di Palmavera, oltre a renderlo fruibile anche la notte, ha permesso di scoprire una terza torre e di nuovi settori del sito archeologico e ritrovamenti che secondo Luca Doro, l'archeologo che ha coordinato i lavori, “segnano una svolta decisiva nella ricerca scientifica".

LEGGI ANCHE | In Sardegna il primo museo sommerso d'Italia

Per il restauro di Palmavera si attendeva da tempo la disponibilità di un finanziamento da oltre un milione di euro che poi ha consentito di operare. L’intervento – spiega Patrizia Tommassetti, architetta del segretario regionale - è stato calibrato quasi chirurgicamente per rispettare la materia originaria e le tecniche costruttive, limitando così al minino le sostituzioni, ma realizzando un percorso accessibile che amplia l'offerta culturale rivolta e soprattutto facilita la lettura di uno dei monumenti più importanti dell'Isola”.

E i prossimi passi saranno ugualmente importanti. Patricia Olivo, del segretariato regionale del Mibac, annuncia infatti che presto “"un sistema di realtà aumentata sarà presto consegnato alla Silt, la cooperativa che gestisce il sito, e permetterà una visita più godibile e approfondita dell'intera struttura".

Foto: Tristan Ferne | Flickr

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.