Alessandro e Sofia i nomi preferiti dai genitori sardi

  • Scritto da Effe_Pi

Secondo uno studio dell’Istat sono i più gettonati per i neonati venuti alla luce dell’isola, il 37,4% dei quali nascono da genitori che non sono sposati.

Alessandro e Sofia sono i nomi preferiti per i loro bimbi dai genitori della Sardegna. Un dato piuttosto in linea con quello italiano, visto che quello maschile è il secondo nome preferito in assoluto, mentre quello femminile è il maggiormente scelto in quasi tutte le regioni. Francesco resta il primo nome scelto in Italia, in assoluto, anche se i dati della ricerca Istat che ha analizzato la natalità dicono che è in flessione rispetto agli anni passati, mentre è in grande ascesa Leonardo, passato al terzo posto a livello nazionale e in pole position soprattutto al Nord. Per le bambine, secondo posto assoluto per Aurora, che come lo scorso anno primeggia in Campania, Basilicata e Sicilia mentre il nome Giulia, resta stabile al terzo posto, ma non è il preferito in alcuna regione italiana.

LEGGI ANCHE | Odissea a Desulo per un parto: come sta la sanità sarda?

Sempre più sono i bimbi che nascono da genitori non sposati: in un contesto di nascite in assoluto decrescenti (100mila bimbi in meno in 10 anni) quelle che avvengono fuori del matrimonio sono in aumento: 141mila 757 gli italiani nati da genitori non coniugati nel 2016, oltre duemila in più rispetto al 2015. Il loro peso relativo è più che triplicato rispetto al 1995 e raggiunge il 29,9% nel 2016.
La quota più elevata di nati da genitori non coniugati si osserva nel Centro (35,6%), seguito dal Nord-est (33,7%). Tra le regioni spicca proprio la Sardegna, col 37,4% dei piccoli nati da coppie non sposate, seguita dalla Toscana (37,1%), mentre tra le regioni del Nord la proporzione più alta di nati fuori dal matrimonio si registra nella Provincia autonoma di Bolzano (47,3%, il valore più alto in assoluto a livello nazionale). Il Sud invece presenta incidenze di nati fuori dal matrimonio molto più contenute, con le percentuali più basse in Basilicata (18,4%) e Calabria (18,8%).

Photo | Pixabay