Nell'ultimo mese

Amministrative 2015 Sardegna: San Nicolò Arcidano

  • Scritto da Effe_E

Emanuele Cera San Nicolò Arcidano4Domande a Emanuele Cera, candidato sindaco per le prossime elezioni comunali a San Nicolò Arcidano con la lista Per continuare @ far crescere Arcidano.

1) Saprebbe individuare (uno o più) problemi principali del suo comune e offrire brevemente alcune soluzioni per risolverli?

La mancanza di lavoro, specie fra i più giovani, è senza alcun dubbio una delle problematiche prioritarie che ogni amministrazione comunale si trova ad affrontare. Nella consapevolezza che il Comune non è un Impresa che crea occupazione diretta e duratura e che non può sostituirsi al tessuto imprenditoriale locale, come Amministratori ci prodigheremo per svolgere un ruolo attivo di sostegno, di aiuto e soprattutto di indirizzo ai giovani e garantendo il necessario supporto all’imprenditoria locale. Sarà cura dell’Amministrazione, sollecitare i giovani affinchè, anche nel nostro Comune sia istituita una “consulta” al fine di favorire una maggiore partecipazione alla vita sociale e realizzare iniziative che tengano in giusto conto le loro reali necessità, partendo appunto dall’esigenza di trovare lavoro. E’ indispensabile far si che i giovani e gli adolescenti del nostro Comune si sentano sempre più partecipi alla vita sociale del paese, per far questo :
•    Intendiamo favorire gli scambi culturali e le opportunità di lavoro con i giovani europei attraverso i gemellaggi ed il progetto “Erasmus”;
•    Organizzare e promuovere eventi per sollecitare lo spirito imprenditoriale e seminari per motivare i giovani che sono fuori sia dal mondo della scuola che dal mercato del lavoro.
I giovani possono beneficiare dei programmi per studiare o svolgere tirocini all’estero. L’Unione Europea, propone iniziative per favorire anche la mobilità dei giovani imprenditori, sono previsti i finanziamenti europei giovani, si tratta di investimenti soprattutto a favore degli studenti  ma anche per i giovani che vogliano creare un’impresa o che ne dirigano una. I fondi sono disponibili nei seguenti settori:
•    Formazione, istruzione e mobilità;
•    Cittadinanza Europa per i Cittadini;
•    Ambiente;
•    Dialogo interculturale e cooperazione con i paesi di interesse di vicinato per l’Unione Europea;
•    Insegnamento, ricerca e cultura.
Vogliamo migliorare la comunicazione del Sito Web del Comune per incrementare la loro partecipazione (inserire il Comune in Facebook/Twitter), realizzando periodiche interviste e messaggi degli amministratori. Sarà realizzata nei principali luoghi pubblici  la copertura “wi-fi “  gratuita per tutti i residenti, sarà curata la promozione del servizio civile volontario da svolgersi anche presso il nostro Comune.
Riteniamo necessario migliorare il coinvolgimento delle attività produttive operanti nel nostro territorio nell'organizzazione di stage e incontri formativi a favore di neo-diplomati e neo-laureati, per poter offrire loro le prime importanti esperienze lavorative. Sarà istituito uno sportello “ Informagiovani “ e garantito giusto supporto a tutte le iniziative giovanili.
Tra le diverse azioni per la promozione di condizioni di sviluppo economico del nostro territorio, affianco a quella già attiva del sito di informazione sulle tematiche del lavoro autonomo, si attiverà un’ulteriore servizio rivolto agli aspiranti imprenditori denominato “Progetto Start-up”. Il progetto è rivolto a tutti i cittadini residenti nel nostro Comune interessati a verificare e strutturare una propria idea imprenditoriale (singola o di gruppo) e assicurerà all’utente un percorso di assistenza per la simulazione della propria idea. In tal modo si potrà assicurare una maggiore consapevolezza dell’imprenditore sui principali aspetti che impattano sulla solidità dell’iniziativa, limitando il tasso di mortalità delle imprese nei primi anni di attività, il progetto è in linea con le risorse del Fondo Unico della Regione Sardegna. Porteremo avanti, compatibilmente con le risorse che la Regione ci metterà a disposizione, i cantieri comunali per l’occupazione, prevedendo, così come specifica l’attuale normativa, interventi per la prevenzione incendi, del dissesto idrogeologico e del diffondersi di discariche abusive. Sulla base delle importanti esperienze passate, valuteremo la possibilità di concedere, attraverso gli aiuti de minimis, contributi per l’avvio di nuove iniziative imprenditoriali.     

Agricoltura e Zootecnia

In ambito agricolo l’amministrazione comunale ha competenze e strumenti limitati, nonostante ciò cercheremo di compiere tutte quelle azioni utili a rilanciare questo importantissimo settore per la nostra economia, facendoci anche interlocutori verso i livelli istituzionali sovraordinati. Siamo convinti che per ricreare economia bisogna ripartire con convinzione dalla campagna perciò l’attenzione sarà rivolta a:
•    Incentivare e far conoscere i nostri prodotti con un’attività di marketing che vada oltre il nostro circondario, questo attraverso il coinvolgimento delle Aziende locali;
•    Valorizzare i prodotti caseari, ortofrutticoli e viticoli locali, sfruttando anche la nostra presenza nell’Associazione Nazionale “Città del Vino” a cui recentemente abbiamo aderito;
•    Accorciare la filiera per rendere minore il divario tra i prezzi al consumo e il reddito degli agricoltori valutando l’opportunità di creare uno spazio comunale per la vendita diretta dei prodotti di esclusiva produzione propria, seguendo l’esempio positivo di Campagna AMICA promosso e realizzato dalla Coldiretti, con sicuri vantaggi anche per il cittadino consumatore;
•    Intendiamo intervenire per allargare la prospettiva anche ad attività di trasformazione e produzione, tradizionalmente non presenti ( esempio la coltivazione della mandorla), ma che se introdotte garantirebbero redditi accessori di sicuro interesse per gli operatori agricoli;
•    Prevedere la toponomastica almeno nelle principali zone geografiche del nostro agro, evidenziando oltre la storia del territorio anche le colture ivi prodotte;
•    Gestire al meglio il nostro patrimonio di terre pubbliche ad uso civico, sarà nostra cura intervenire a modificare e migliorare il regolamento per la concessone dei terreni comunali, prevedendo l’assegnazione dei lotti agli agricoltori e allevatori locali che dimostrano in modo chiaro il reale utilizzo del fondo, saranno ulteriormente premiate le aziende e/o cooperative “ non fittizie ”  che dimostreranno effettivi incrementi occupazionali;
•    Interverremo annualmente a migliorare la viabilità rurale, inoltre con 150 Mila Euro di risorse già finanziate dalla Regione, provvederemo  da subito alla sistemazione delle seguenti strade di viabilità rurale: “Coddu sa barracca”, strada vicinale “S.Barbara”, strada vicinale “Masone Porcus”, strada vicinale “ Peschiera”, strada vicinale  “ Corti Beccia”, strada vicinale “Pauli Stincus”, strada vicinale “ Serra Fogu “, strada vicinale di “Terralba”, strada vicinale “ S’acqua bianca “, sarà ripristinato il manto viabile mediante la posa in opera di materiale inerte, risagomatura, rifacimento e ripristino delle cunette e realizzazione di accesso ai fondi, la strada cosiddetta di Terralba, verrà completamente riasfaltata;
•    Supporteremo le attività agri turistiche esistenti attraverso progetti mirati alla conoscenza delle nostre tradizioni enogastronomiche, parteciperemo, così come abbiamo fatto in passato, ad alcune trasmissioni televisive regionali, facendo conoscere le nostre aziende, il nostro territorio e le nostre attività;
•    Se i vincoli sanitari relativi alla diffusione della lingua blu permetteranno, è nostro intento organizzare, sfruttando l’esperienza e la professionalità di un giudice nostro compaesano, una rassegna espositiva degli ovini di razza sarda iscritti all’albo genealogico;
•    Per non disperdere un patrimonio economico, culturale e di antichi saperi, ci impegneremo anche seguendo gli obiettivi che l’Associazione “ Città del Vino“  si pone, nella valorizzazione dei prodotti vitivinicoli locali e del circondario, integrando territorio, ambiente e tradizioni, collaboreremo in modo diretto e costruttivo con eventuali investitori che intendessero realizzare una piccola cantina nel nostro paese;
•    Intendiamo sostenere l’investimento per la realizzazione nell’area pip di un centro per la lavorazione, la trasformazione e la commercializzazione dei prodotti ortofrutticoli;
•    Così come abbiamo fatto in passato, non faremo mancare il nostro sostegno e la nostra presenza personale e istituzionale nelle giuste vertenze che il mondo agricolo si troverà a portare avanti, non lasceremo sicuramente soli i nostri agricoltori ed i nostri allevatori;
•    Riproporremo, visto il successo della prima edizione, la Rassegna enogastronomica dell’Unione dei Comuni del Terralbese, l’intento resta quello della valorizzazione delle nostre produzioni agro alimentari e gastronomiche;
•    Lavoreremo alla realizzazione della De.C.O. ( denominazione comunale d’origine ), marchio che consentirà al nostro Comune la facoltà di disciplinare in materia di valorizzazione delle attività agroalimentari.      
 

Artigianato e Commercio

L’Artigianato e il Commercio, risultano fra i settori economici più importanti per il nostro paese anche se è noto che in questi ultimi anni, le attività locali, come nel resto dell’Isola, stanno attraversando un periodo di profonda crisi che ha prodotto chiusure e ridimensionamento di alcune aziende, con conseguenti ed immaginabili ripercussioni anche sotto il profilo occupazionale.
Abbiamo in mente alcune iniziative per favorire la ripresa delle attività commerciali e artigianali operanti e perché no, la nascita di nuove, favorendo le iniziative diverse da quelle esistenti. Nello specifico:
 
•    Attivare politiche integrate di marketing territoriale a sostegno della rete commerciale di vicinato e dell’artigianato, attraverso l’attivazione del Centro Commerciale Naturale, sostenuto con eventi che favoriscano l’incremento della domanda;
•    Attivazione e promozione di progetti di formazione professionale per il recupero dell’artigianato e degli “antichi mestieri”, anche quale opportunità lavorativa per i giovani in cerca di occupazione;
•    Realizzazione della “Fiera dell’Artigianato” così come ipotizzato nella fase di ideazione  della manifestazione Arcidano Produce, ma concretizzatasi, per volontà degli organizzatori, solo nei primi anni, non è stata più data importanza a questo settore prediligendone solamente degli altri, cosa che sosterremo venga fatta;
•    Già in questi anni passati, la nostra amministrazione, ha fissato l’aliquota IMU ad una percentuale fra le più basse in assoluto (0.6%) proprio per venire incontro alle difficoltà dei commercianti; per quanto riguarda invece gli artigiani, le aliquote sono imposte e vengono anche incassate dallo Stato,  continueremo con questa politica di sostegno, sia per l’IMU che per la TARI;
•    Cercheremo di intervenire, per quanto di competenza,  sul calcolo del relativo alla raccolta dei rifiuti solidi urbani;
•    Valorizzare i prodotti manifatturieri locali in particolare le filiere dei prodotti tipici;
•     Incentivare le imprese innovative e di minor impatto ambientale che riducono il consumo di energia e si impegnano nel recupero e riutilizzo di attività dismesse;
 Migliorare la pubblicizzazione attraverso il sito istituzionale del Comune, garantendo una pagina dello stesso, all’approfondimento delle caratteristiche e peculiarità delle attività produttive locali.

2) La politica oggi è impopolare ma i sindaci sono gli amministratori più vicini al cittadino: come pensa possano contribuire a far recuperare fiducia nelle istituzioni?

Condivido che di questi tempi amministrare è sempre più impopolare, malgrado ciò, in questi anni di amministrazione, siamo riusciti a farci apprezzare per la nostra azione amministrativa improntata sul lavoro quotidiano, sul servizio ai cittadini e sui risultati conseguiti. Un altro elemento che ci ha permesso, e ci permetterà anche in futuro di recuperare fiducia, è il fatto di essere riusciti attraverso la nostra azione amministrativa a conseguire importanti risultati materiali e immateriali, riducendo, ed in alcuni casi azzerando alcuni tributi locali, la Tasi nel nostro Comune non è stata applicata e l’ IMU per le seconde case, attività commerciali e terreni è allo 0.6%.

3) Quali sono i temi programmatici fondamentali su cui punterà per sconfiggere i suoi avversari alle prossime elezioni?

Per sconfiggere i nostri avversari noi candidati non dobbiamo parlare tanto in questo periodo, lasciamo parlare i fatti e la concretezza del nostro operato.

4) Ci dica una cosa positiva e una negativa fatte delle amministrazioni che ha avuto la sua città negli ultimi anni.

Fortunatamente le cose fatte sono più positive che negative, la più positiva in ordine di tempo è la casa integrata per anziani, la negativa è l’aver permesso la demolizione di alcune testimonianze storico architettoniche presenti nel centro storico.

Ricordiamo ai nostri lettori che l'altra particolarità relativa alla nostra rubrica #4Domande è il fatto che le risposte sono scritte di proprio pugno dal candidato stesso o dal suo staff, e che la nostra redazione non effettua nessun tipo di controllo, correzione o adattamento delle risposte date, in modo da non avere nessun filtro tra chi scrive e chi legge.

Leggi anche