Nell'ultimo mese

Crimine: nel nuorese sgominata banda under 30

  • Scritto da Effe_Pi

Armi automaticheArrestati otto giovani dai carabinieri di Ottana, sono responsabili di una serie di furti e di coltivazione di Marijuana, sono tutti sotto i 30 anni e si preparavano ad assalti a poste e banche.

Giovani criminali crescono in Sardegna, in particolare nel nuorese, dove è stata sgominata dai carabinieri della compagnia di Ottana una banda di spregiudicati under 30. Stamattina, tra la Barbagia e la provincia di Perugia sono stati arrestati otto giovani, fra i quali un 17enne, accusato di associazione per delinquere e trasferito nel carcere minorile di Quartucciu. Il gruppo, dotato di armi automatiche, coltivava cannabis per produrre marijuana, rubava auto per preparare rapine nel Sassarese e nell'Oristanese e si finanziava anche con furti di bestiame. Le indagini, scattate nell'ottobre scorso dopo una serie di furti d'auto e di bestiame, non sono ancora concluse: la banda potrebbe essere responsabile di altri reati commessi nei primi mesi del 2015.

Intanto, oltre al minorenne, in carcere a Badu e' Carros sono finiti Enrico Pili, 22 anni, di Gavoi, Angelo Salvatore Mura, di 19, di Silanus, il compaesano Pierpaolo Faedda, 22 anni, e l'allevatore di Dualchi Pietro Chirinu, suo coetaneo. Sono, invece, agli arresti domiciliari tre allevatori del Nuorese: Cristian Pireddu, 18 anni, di Orani, Andrea Caroti, 28 anni di Ottana e Francesco Floris, 22 anni, originario di Sarule, ma residente in Umbria, a Magione (Perugia). Quest'ultimo, secondo l'accusa, era attivo nella banda sino alla fine dell'anno scorso, poi a gennaio aveva deciso di emigrare nella penisola, dove poi è stato arrestato. Altre quattro persone sono indagate, fra le quali un uomo, arrestato lo scorso dicembre a Noragugume, dopo che in un ovile nella sua disponibilità sono state trovate armi clandestine, destinate alla banda.

In particolare, i carabinieri hanno sequestrato tre pistole di piccolo calibro e due fucili. Come emerso dalle intercettazioni e dal materiale sequestrato durante le indagini, la banda era pronta a usare le armi in occasione di due colpi in preparazione nel dicembre scorso, poi sventati dalle indagini: una rapina all'ufficio postale di Illorai e una all'agenzia del Banco di Sardegna di Riola Sardo. Per due degli arrestati, in particolare il 17enne e l'allevatore Pietro Chirinu è scattata anche l'accusa di coltivazione di sostanze stupefacenti: nel dicembre scorso i carabinieri di Dualchi avevano scoperto una piantagione di 22 piante di cannabis indica in un locale del Comune ed erano risaliti ai due giovani.

Leggi anche