Aggredì il 118 in Costa Smeralda, identificato imprenditore romano

  • Scritto da Effe_Pi

E' un 28enne che la notte di ferragosto davanti al Just Cavalli aveva aggredito un soccorritore per aver intralciato il traffico e disturbato l'ingresso dei ricchi clienti.

Aggredì un soccorritore del 118 perché intralciava il traffico stradale e disturbava l'ingresso dei ricchi clienti del Just Cavalli, in Costa Smeralda. Dopo 6 mesi, i carabinieri di Porto Cervo sono arrivati alla conclusione di una difficile indagine iniziata la scorsa estate dopo l'aggressione al soccorritore del 118 che la notte di ferragosto era intervenuto per prestare primo soccorso a un ragazzo che necessitava di cure all'esterno del noto locale notturno.

Gli accertamenti, coordinati dal procuratore della repubblica di Tempio Pausania, Gregorio Capasso, hanno permesso di ricostruire l'episodio e di identificare l'autore, un imprenditore 28enne, pakistano di seconda generazione ma nato a Roma, in vacanza in Costa Smeralda, radicato nell'ambiente criminale della capitale, che si è reso responsabile dei reati di lesioni personali gravi ed interruzione di pubblico servizio, poiché in quel momento, a suo avviso, le operazioni di soccorso stavano intralciando il traffico stradale.

LEGGI ANCHE | Turismo: Costa Smeralda regno del lavoro nero 

La difficoltà dell'indagine è stata proprio l'identificazione dell'uomo, sconosciuto ai testimoni presenti quella notte, e all'individuazione dell'auto su cui viaggiava e utilizzata per allontanarsi, la quale è risultata intestata ad una società non riconducibile a lui in nessun modo. L'approfondito controllo dei social network e delle banche dati in uso alle forze di polizia ha permesso di ricondurre con certezza l'episodio al 28enne, permettendo anche ai testimoni di riconoscerlo senza alcun dubbio. Insieme a lui è stata denunciata anche una donna di 21anni, anche lei romana. Le indagini, inoltre, hanno permesso di scagionare il turista 32enne, anch'egli romano, che molti testimoni avevano erroneamente indicato come partecipante all'aggressione.

Foto | Massimiliano su Flickr