Verso Cagliari – Lazio: i 5 fatti rossoblù

  • Scritto da Effe_Pi

La squadra di Lopez cerca riscatto dopo un periodo particolarmente difficile, l’avversario è forte e motivato ma il tecnico cagliaritano vuole una squadra all’attacco.

Una gara difficile, al termine di una settimana difficilissima, e con una classifica che vede le avversarie dirette correre, diventando sempre più rischiosa. La partita è Cagliari – Lazio, in programma questo pomeriggio alla Sardegna Arena, che per i rossoblù arriva dopo due brutte sconfitte (disastrosa quella col Napoli), dopo la morte improvvisa dell’ex Davide Astori, il capitano della Fiorentina a cui molti a Cagliari (primo fra tutti Diego Lopez) erano vicini e dopo il fulmine a ciel sereno della sospensione per doping a Joao Pedro. Il Cagliari deve reagire, perché le ultime gare hanno mostrato apatia e fragilità estrema, ma soprattutto perché le avversarie dirette ora corrono davvero, ultima l’Hellas Verona vittoriosa ieri nel derby col Chievo. Ma ecco le cinque cose che ogni buon tifoso rossoblù deve sapere per approcciare al meglio questo match:

1)       Il bilancio delle gare casalinghe contro la Lazio, è in sostanziale parità: il Cagliari ne ha vinte 12, pareggiate 10 e perse 12. La vittoria manca però dal 2013, quando finì 1-0 con gol decisivo di Dessena, oggi probabilmente in panchina ma presente. Da allora due sconfitte e lo 0-0 dell’anno scorso, sicuramente un buon risultato contro una squadra biancazzurra in gran forma, ma che non mancò di suscitare polemiche per l’atteggiamento troppo “difensivo” adottato dall’allenatore Rastelli.

LEGGI ANCHE | Verso Lazio - Cagliari: i 5 fatti rossoblù 

2)       I rossoblù, oltre a Joao Pedro, dovranno rinunciare anche all’infortunato Cigarini, mentre ha recuperato dall’infortunio al polpaccio l’altro brasiliano Farias, che potrebbe in qualche modo fare le veci del connazionale. Anche la Lazio ha assenze come quella dell’acciaccato Marusic ma ritrova Lulic, che ha smaltito l’influenza: anche per la squadra di Simone Inzaghi c’è un giallo doping, visto che il forte difensore De Vrij è stato convocato dalla commissione antidoping ma l’incontro è stato rinviato alla settimana prossima, quindi sulla carta sarà a disposizione questo pomeriggio.

3)       Il lutto per Astori ha portato la società rossoblù a ritirare la maglia del capitano viola, la numero 13, che non sarà più utilizzata: quest’anno l’ha portata finora il giovane difensore Filippo Romagna, che però ha già accettato di lasciarla e adottare il 56, anno di nascita di suo padre.

4)       I pronostici della vigilia vedono favorita la Lazio, ancora in corsa per un posto in Champions League: la vittoria biancazzurra è data dalla Sisal a 1,55, mentre il pareggio è quotato 4,20 e la vittoria dei cagliaritani addirittura a 6. Da notare che un finale con zero gol (che sarebbe poi identico all’anno scorso), paga molto bene, a 13,25, mentre il risultato esatto con la quota più bassa è lo 0-1 (dato a 6,80), mentre il minimo scarto a favore dei rossoblù paga a 16. Proprio questo, insieme allo 0-0, ci sembrano i risultati più possibili, volendo fare i sardi ottimisti.

5)       Lopez ha parlato in conferenza stampa di una gara in cui non avere paura e dove bisogna attaccare la Lazio, quindi si presume che potrebbe schierare una formazione piuttosto offensiva. Questi i nostri due cents per la formazione del Cagliari: Cragno, Romagna, Ceppitelli, Castan, Faragò, Barella, Ionita, Padoin, Farias, Pavoletti, Han.