La Finanza andrà a caccia dei furbetti del ticket

  • Scritto da Effe_Pi

In Sardegna ben il 70% della popolazione ha l’esenzione dal pagamento delle prestazioni sanitarie, percentuale elevata su cui saranno fatte verifiche dopo l’accordo tra Regione e Gdf.

È vero che la Sardegna, come molti altri territori, è ormai abitata in prevalenza da anziani, ma sembra comunque altissimo il numero di coloro che nell’isola hanno l’esenzione dal ticket sanitario: si arriva infatti a un clamoroso 70% della popolazione totale, una percentuale che ha destato qualche sospetto.
Per questo, ci sarà una particolare attenzione a questi temi della Guardia di Finanza, che ha appena firmato a Cagliari un protocollo d'intesa con l'assessorato regionale alla Sanità. L'accordo, che prevede una durata di 36 mesi, punta a stringere la collaborazione tra Regione e Fiamme gialle per rafforzare la tutela della legalità e promuovere la prevenzione di fenomeni illeciti.

LEGGI ANCHE | Ecco come gli evasori sardi ci rubano 63 milioni l'anno

Sara incrementato lo scambio di informazioni per agevolare le verifiche su beneficiari di fondi pubblici o sulle procedura di gara e concorsi. Stando però a quanto emerso in assessorato, a Cagliari in occasione della firma del documento, la gran parte dei sardi esentati dal pagamento del ticket gode dell'agevolazione per ragioni economiche e sociali. "È un dato da correlare però con la crisi degli ultimi anni", ha spiegato l'assessore alla Sanità Luigi Arru. "Cercheremo di lavorare per capire, sarà un'occasione per valutare realmente l'uso corretto di questi istituti di tutela del cittadino".
L'assessore ha poi rimarcato che tra gli obiettivi del protocollo c'e il miglioramento del Sistema pubblico e dei servizi a disposizione del cittadino. Un concetto ribadito anche dal generale della Guardia di finanza Bruno Bartolini, comandante regionale, che ha sottolineato l'importanza dei controlli su una voce così importante del bilancio regionale.

Foto | Adrian Scottow su Flickr

Leggi anche