Olbia-Roma senza accompagnatore, ragazzo autistico conquista l’autonomia

  • Scritto da Alba

Una collaborazione tra l’Associazione Autismo Sardegna e l’Enac ha garantito ad un ragazzo autistico un viaggio aereo in piena autonomia da Olbia a Roma. Una novità che pone la nostra regione all’avanguardia quando si parla di disabilità e integrazione.

Nicola è un ragazzo affetto da autismo. In condizioni “classiche” non avrebbe potuto viaggiare in aereo senza accompagnatore. Nel viaggio da Olbia a Roma, invece, questo è stato possibile. Il ragazzo si è imbarcato senza adulti sul volo IG1124 che è partito dalla Sardegna alle 10.30 diretto a Roma Fiumicino. Il tutto è stato possibile soltanto grazie alla collaborazione tra tre realtà: l’Associazione Autismo Sardegna, l’Enac e la Meridiana. Nicola è un habitué degli aeroporti, infatti da anni viaggia con la propria famiglia. Grazie alla passione per i viaggi della sua famiglia, ha preso confidenza con tutte le procedure che accompagnano l’imbarco: dagli annunci dell’apertura del Gate, fino all’individuazione dello scalo di destinazione. 

LEGGI ANCHE | ENAC – La storia di Nicola sul volo Olbia-Roma 

Al di là dell’esperienza importante per Nicola, anche l’Enac, oggi, ha aggiunto un tassello importante alla sua attività di tutela dei diritti dei passeggeri e delle persone con disabilità. Dal 2015, in via sperimentale, sono stati coinvolti nel progetto anche gli scali di Bari, Bergamo, Napoli, Roma, Milano e Venezia. Nei prossimi anni si continuerà a portare avanti il progetto ''Autismo - In viaggio attraverso l'aeroporto'' proponendo a tutte le persone che si trovano in condizioni fisiche e psichiche particolari di effettuare viaggi in piena autonomia.

LEGGI ANCHE | IN SARDEGNA BIMBI A CAVALLO CONTRO LA DISABILITÀ

Come evidenzia il comunicato dell’Enac, “ogni situazione viene attentamente valutata dalla società di gestione dell’aeroporto di partenza, dalla compagnia aerea, dai familiari e dai medici”, perché con la collaborazione di tutti si possono davvero eliminare tutte le barriere. 

 

Leggi anche