Logo

Perché al Sud il Pil cresce più che nel resto d'Italia?

Il rapporto Svimez 2016 mette in luce l’incremento del Pil del Sud Italia, dovuta ai buoni risultati di agricoltura e turismo.

Da Wired | Sara Moraca

Il Sud cresce più della media nazionale. A dirlo è il Rapporto Svimez 2016, che rivela come il 2015 sia stato un anno eccezionale per il Mezzogiorno: il prodotto interno lordo è cresciuto nel Mezzogiorno dell’1%: l’incremento è stato superiore di 0,3 punti a quello rilevato nel resto del Paese (0,7%).

Il Sud si sta rialzando, dopo gli effetti rovinosi della crisi, che qui sono pesati quasi il doppio rispetto al Centro-Nord: dal 2007 il prodotto in quest’area si è ridotto del -12,3%, quasi il doppio della flessione registrata nel Centro-Nord (-7,1%). La ripresa del Mezzogiorno è frutto di una serie di fattori: l’annata agraria particolarmente favorevole, con un incremento di valore aggiunto del 7,3%, la forte crescita di valore aggiunto nel settore dei servizi e del turismo, l’utilizzo di alcuni Fondi strutturali europei 2007-2013.

Grazie a questi fattori, è migliorato il mercato del lavoro (+94mila unità), con una crescita dei consumi privati (0,7%), e ad aspettative più favorevoli degli imprenditori.

Anche la domanda estera netta ha dato un contributo positivo, con un incremento delle esportazioni verso il resto del mondo del 4%. La migliore performance è della Basilicata (+5,5%). Più contenute quelle di Campania, Puglia e Sardegna (+0,2%).

Il rapporto è ottimistico offre una visione positiva per il biennio 2016-2017: la ripresa sarà lenta, ma si registrerà su tutto il Paese: il Pil dovrebbe aumentare dello 0,3% al Sud e dello 0,9% nel resto del Paese, il dato complessivo dell’Italia sarebbe +0,8%. Come descrive il rapporto, il nodo focale rimane comunque la realizzazione di infrastrutture e il sostegno alle imprese: “L’aspetto che potrebbe garantire lo sviluppo è legato strettamente agli effetti della spesa pubblica volta a sostenere direttamente la crescita, con infrastrutture e interventi mirati verso le imprese. Il ruolo delle politiche risulta, quindi, decisivo, per sostenere la ripresa dell’economia meridionale e consentirle di rimanere agganciata alla crescita del resto del Paese”.

Foto: CC0 Public Domain | Pixabay

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.