Nell'ultimo mese

Strage di Bruxelles: una sarda tra i dispersi

  • Scritto da Effe_Pi

Una donna tedesca originaria di Ales figura tra coloro che non sono rintracciabili dopo gli attentati di martedì: intanto riprendono i voli da Cagliari verso la capitale belga.

Ha colpito in qualche modo anche la Sardegna la tragedia di Bruxelles dei giorni scorsi, con i ripetuti attacchi all’aeroporto e alla metropolitana della capitale belga, con decine di morti. Tra i dispersi a seguito delle esplosioni nello scalo di Zaventem ci sarebbe infatti anche una giovane di origine sarda, Jennifer Scintu, originaria di Ales. La donna di 29 anni, nata e cresciuta in Germania, al momento delle esplosioni si trovava al check in di un volo per New York assieme al marito Alex Waetzmann, ora ricoverato in gravi condizioni in un ospedale dalla capitale belga. Di lei invece non si sa più nulla, e la sua prozia del paese della Marmilla teme il peggio, come ha detto all’ANSA, senza però aver perso la “speranza di una buona notizia". I lutti che stanno insanguinando l’Europa, a causa del terrorismo di matrice islamica, hanno ormai assunto una regolarità inquietante, scatenando reazioni molto diverse a seconda delle persone.

Accanto a chi ha avuto reazioni di chiusura e in qualche caso anche di intolleranza, come accaduto nei mesi scorsi anche nell’isola, c’è chi invece non si arrende al terrore e continua a cercare di vivere una vita normale, viaggiando e volando da un capo all’altro d’Europa e del mondo. Ne sono un esempio le 126 persone partite oggi da Cagliari verso l’aeroporto di Charleroi, il secondo della capitale belga, con il primo volo Ryanair dopo gli attentati dei giorni scorsi. Tra loro pensionati belgi in vacanza in Sardegna, ma anche tanti emigrati che lavorano in Belgio, perpetuando una tradizione iniziata oltre un secolo fa con le imponenti migrazioni che dall’isola avevano portato tantissime famiglie a lavorare nelle miniere del piccolo paese nel centro Europa, all’epoca una delle sue principali risorse. L’aereo in questione, nonostante l'aumento dei controlli da parte della polizia e del personale della sicurezza aeroportuale della Sogaer, è decollato puntuale da Elmas alle 10.25.

Leggi anche