Nell'ultimo mese

Ustica: pubblici 2mila documenti sulla strage

  • Scritto da Effe_Pi

Strage UsticaConsegnati all'Archivio di stato 2mila documenti riguardanti la strage del 1980, nell'ambito di una direttiva governativa contro i segreti sulle stragi italiane.

E’ una strage rimasta nella storia d’Italia come una delle più tragiche, inspiegabili e in qualche modo simboliche delle complicità dello stato, visti i continui depistaggi e inquinamenti delle indagini che hanno impedito finora di accertare la verità dei fatti. Si parla della strage di Ustica, verificatasi il 27 giugno del 1980, quando un aereo DC9 della compagnia aerea Itavia diretto a Palermo si è inabissato tra l’isola di Ustica e quella di Ponza, causando 81 morti. Le ipotesi sulle cause sono sempre state le più disparate, dal famigerato “cedimento strutturale” (tesi dei “negazionisti” in materia) a quella di una bomba nella toilette fino all’ipotesi più dibattuta, quella che l’aereo di linea si sia trovato coinvolto in uno scontro tra velivoli di nazioni diverse, con voci su presenza di aerei francesi, libici e statunitensi, ma oggi la verità potrebbe essere un po’ più vicina.

Infatti, oltre 2mila documenti sulla strage, finora custoditi dall'Arma dei Carabinieri sono stati versati oggi all'Archivio di Stato nel rispetto di una direttiva emanata dal governo negli anni scorsi, e pur non essendo documenti finora “top secret” potrebbero aiutare studiosi, comitati e semplici cittadini a capirci di più. Ad annunciare il trasferimento delle carte è un tweet del Ministero della Difesa, dicastero che ha iniziato, lo scorso mese di ottobre, il versamento all'archivio di Stato di oltre 62 mila documenti, in applicazione della direttiva  del presidente del Consiglio che dispone la declassificazione degli atti relativi ai fatti di Ustica, Peteano, Italicus, Piazza Fontana, Piazza della Loggia, Gioia Tauro, stazione di Bologna e rapido 904.
Dal versamento di atti in custodia negli archivi delle Forze Armate, dell'Arma dei Carabinieri, del Segretariato Generale della Difesa e di tutte le articolazioni del ministero, sono esclusi solo i documenti nella disponibilità dell'autorità giudiziaria.

Leggi anche